“Però la vita, com’è bello poterla cantare”: il vero rock italiano di Lucio Dalla.

Un viaggio musicale attraverso uno dei più bei dischi italiani, quello di Cara, Futura, Balla Balla Ballerino e altri piccoli gioielli del rock nostrano.

Lucio Dalla

Oggi è il 4 Marzo. Quel giorno in cui è impossibile non ripensare all’omonimo terzo posto sanremese che poi si sarebbe trasformato in uno dei brani più famosi e noti della musica italiana. E, ovviamente, è quel giorno in cui non si può non pensare a Lucio Dalla, nato proprio in quella data del 1943: sarebbe presto diventato un clarinettista che si esibiva giovanissimo, non tra porti e marinai ma in una vivacissima Bologna. Di lì a poco sarebbe stato invitato a suonare con Chet Baker o abbinato a Sanremo agli Yardbirds di Jimmi Page e Jeff Beck. Sembrava seguire un percorso sconclusionato e tutto suo (oggi, si potrebbe ben dire “dalliano”), lontano dalla fama e dal riconoscimento del pubblico, che al Cantagiro 1964 gli lanciava i pomodori tra i tanti fischi. Più tardi però sarebbe diventato uno dei più noti interpreti, musicisti, cantanti, showman, italiani. Chissà se, prima del Sanremo del 1971, se lo sarebbe mai aspettato.

Continua a leggere ““Però la vita, com’è bello poterla cantare”: il vero rock italiano di Lucio Dalla.”