Lo stupendo lato “pop” di Tom Waits

Avvicinarsi al cantante e musicista ostico per eccellenza con l’aiuto delle celebri cover di artisti come Bruce Springsteen, Tim Buckley e Rod Stewart.

Tom Waits

Gli aggettivi che si possono attribuire ad un personaggio come Tom Waits sono veramente tanti, ma mai si potrebbe pensare di accostarlo, in qualche assurdo modo, al pop, ad un genere di canzone facilmente “accessibile”. Lui, il cantautore sognante dei locali notturni, poi Orco di Pomona, sotto quegli arrangiamenti assurdi e quei suoni di strumenti inusuali, può nascondere testi universali e ritornelli orecchiabili? . Tanti artisti ben più celebri e popolari questo l’avevano presto capito, e hanno scavato in tutto quello splendido catrame sprigionato dal vocione di Tom, per tirarne fuori delle canzoni uguali ma profondamente diverse. Cover semplici nella loro grande bellezza e con un ritornello ben delineato. Sí, Tom Waits poteva, oltre alle struggenti ballate al pianoforte, ai brani cattivi e teatrali perfetti per l’ingresso in scena di qualunque grande villain dei film di Burton, ai blues fumogeni, scrivere delle canzoni che potevano essere pop. E sapete qual è la cosa più bella? Che nessuna di quelle cover, per quanto più famosa e di facile ascolto, è stata mai completamente all’altezza dell’originale.

Se non siete mai riusciti ad immergervi nel Mondo di uno dei più grandi cantautori del secolo scorso, perché ogni volta che ci avete provato siete naufragati in un oceano di whisky o vi siete persi, confusi da tutte quelle nuvole di fumo che coprivano la vista, allora questo articolo potrebbe capitare a fagiolo: scoprirete quel lato inaspettatamente poco “ostico” di Tom Waits, partendo dalle popolari cover di quei brani, e da lì la strada per diventarne fan è tutta in discesa. Capirete il perché di quegli arrangiamenti, di quella voce, di quelle atmosfere, di quell’incrocio tra elementi provenienti da parti opposte del globo, e amerete (o almeno così speriamo) anche quel pizzico di “pop” che si nasconde dietro tutto ciò. E’ consigliato, perciò, seguire la nostra playlist Spotify o YouTube (tenere lontano dalla portata dei bambini, per non rischiare notti in bianco :D). Buona lettura!

Continua a leggere..