Andrà tutto bene: però, nel frattempo… Fumetti, libri, film e videogiochi per la quarantena

L’emergenza per il virus COVID-19 ci costringe a rimanere a casa: questi sono alcuni consigli per trascorrere il tempo in compagnia di grandi storie.

Dove non sei tu

Stiamo vivendo un periodo critico di eccezionale drammaticità. Cosa che quelli della nostra generazione non avevano mai sperimentato prima e che non credevano possibile. Una battuta d’arresto per il nostro ottimismo. Per tutelare la salute pubblica stiamo rinunciando a parte della nostra libertà, in una maniera che neanche noi ci saremmo aspettati fino a qualche mese fa. Libertà di uscire di casa, di incontrare gli amici, di provare i nuovi brani col resto della band, di fare sport in palestra insieme ad altre persone… Ma non si tratta solo di una limitazione: è la nostra parte in questa guerra. Dobbiamo però avere speranza e aiutarci, anche a distanza: noi lo facciamo con questo articolo, consigliando fumetti, libri, giochi e film che potrebbero essere utili per passare il tempo in queste giornate, dando particolare risalto al materiale che trovate online, anche gratuitamente, grazie alle tante iniziative di artisti e case editrici. Perché per sentirsi più vicini, la ricetta è sempre quella: ascoltare e raccontare storie. E, perché, come ha detto Gipi, condividendo il suo ultimo film interamente su Youtube, “il problema di chi fa un mestiere come il mio è che, di fatto, nei momenti seri non serve niente. Può solo distrarre le persone e divertirle, se e quando ci riesce. Spero vi sia utile”.

Chet baker fumetto
.

Inizialmente, il titolo provvisorio di questo articolo era “my funny quarantine”, poi modificato perché faceva apparire la situazione attuale meno seria di quanto sia realmente. Un simpatico gioco di parole che doveva già far pensare a Chet Baker, che è anche il protagonista di una interessante e dolce lettura che vi vogliamo consigliare, da fare rigorosamente di sera, e con la giusta playlist jazz di sottofondo. Una storia tutta italiana: la notte del 31 luglio del ’60, Chet, da sempre legato al consumo di droghe, era crollato per un’overdose di eroina in una toilette di una stazione di servizio alla periferia di Lucca. Viene condannato a 16 mesi, dove, a seguito di ripetute richieste, un giudice gli consente di suonare la tromba in cella, ma solo per “cinque minuti due volte al giorno”. Gruppi di appassionati, trascinati dal magico suono della tromba di Chet, prendono l’abitudine di salire sulle mura della città per ascoltare ciò che suonava nella prigione. Da questo spunto “storico” nasce questo romanzo a fumetti di Marco di Grazia e Cristiano Soldatich, una lettura che scorre molto veloce (sono tante le pagine “mute”, dove a parlare è solo la musica e i bellissimi disegni) e, senza pretese biografiche, tratteggia in modo sia dolce che malinconico il ritratto di un grandissimo talento e di un’altrettanto grande fragilità. La delicatezza della storia è anche rappresentata molto bene dai disegni e dai colori (quando ci sono, molto autunnali), molto morbidi e cartooneschi. Lo trovate su YepComics, la piattaforma per leggere fumetti online della casa editrice Shockdom, insieme a tanti altri fumetti che gli autori e la casa editrice stanno rendendo gratuiti per questo mese, ed altri che potrete acquistare ad un prezzo veramente conveniente (per i più piccoli, ci sono anche le strisce di Sio, adorabile concentrato di puro no-sense).

Chet Baker fumetto

Se volete invece approfittare di queste giornate per leggere qualcosa che sia al di fuori della classica e rassicurante “comfort zone” da lettore, quella della Coconino Press è l’iniziativa che fa per voi. Ogni giorno infatti, nella loro pagina Facebook ufficiale, troverete un link con cui potrete leggere gratuitamente, per 24 ore, un romanzo a fumetti. Un’iniziativa davvero bella che permette di scoprire autori coraggiosi, mai accomodanti, che raccontano Storie in maniere inedite e poco convenzionali. Nei giorni scorsi è stata caricata anche La mia vita disegnata male, famosissimo graphic novel di Gipi, autobiografia che ha la sua forza nella spontaneità e sincerità, sia degli argomenti che del tratto. A colpirci è stato però un romanzo meno famoso ma che abbiamo davvero apprezzato per la maniera in cui viene affrontata una trama apparentemente semplice e vista tante volte: Sniff, di Risuleo e Pronostico. La storia di un Amore e del valore dei sensi in esso, che ha un sapore particolarmente agrodolce proprio in questi giorni difficili dove dobbiamo restare lontani. Non ci teniamo a svelarvi il colpo di scena che mostra improvvisamente i veri protagonisti e narratori del racconto (così surreale, ma raccontato così bene da sembrare quasi normale), ma vi assicuriamo che lo spaesamento dei primi dialoghi è un elemento centrale che vi farà apprezzare la storia ancora di più. Essenziali per questo genere di narrazione sono i disegni (che, come molti hanno notato, ricordano quelli Lorenzo Mattotti) morbidi e perfetti nel ritrarre l’ambientazione invernale in cui si svolge la storia. 112 pagine in cui non farete altro che pensare: riuscirà l’amore a trionfare?

Se state leggendo questo articolo in tempo, non potete lasciarvi sfuggire Dove non sei tu, primo romanzo “su carta” di Lorenzo Ghetti, già autore del webcomic To Be Continued. Lo stile del disegno è rimasto lo stesso, ma vi stupiranno le pagine quadrate e l’impostazioni delle tavole, così sperimentali ma senza diventare mai confuse. Lo storia è ambientata in un prossimo futuro ed è costruita intorno ad una idea che, in questi giorni, vi sembrerà proprio l’ideale: presto le nuove tecnologie faranno sì che potremo muoverci in tutto il mondo, trovandoci fisicamente in qualsiasi luogo della Terra, senza però spostarci da casa. Proverete quindi invidia verso questo “piccola” fantascienza mentre seguite il percorso di maturazione di Lido (perché, in fondo, si tratta di un racconto di formazione adolescenziale, ma adatto a tutti), ragazzo tranquillo a cui piace leggere libri e giocare a videogiochi o giochi di ruolo. Una quotidianità in cui si rifugia continuamente da queste nuove tecnologie, che, nel suo continuo accontentarsi, non trova necessarie. L’arrivo di Mobi (a dir la verità, della sua tuta), così diversa da lui, stravolgerà ovviamente il suo piccolo mondo e il suo modo di pensare e vivere. E’ una storia che quando si conclude fa pensare “ne voglio ancora!”, delicatissima e dolce nel raccontare i sentimenti, e piena di spunti interessanti sulle tecnologie, sulla distanza, l’assenza e sui rapporti umani.

Dove non sei tu

Può essere anche una buona occasione per rileggere qualche bel mattone della libreria di casa, e riscoprire vecchie emozioni in modo diverso. Se invece avete già “passato in rassegna” più e più volte tutti i volumi, potete finalmente leggere tutti quei classici di cui è scaduto il diritto d’autore, o persino ascoltarli: sul sito della Rai ci sono grandi attori italiani che vi leggeranno Bartleby lo scrivano (“I would prefer not to” potete dirlo al vostro capo, in videochiamata?), Arancia Meccanica, Cent’anni di Solitudine, Cuore di Tenebra, e tanti altri. Sempre di sera potrebbe essere bello immergersi nuovamente negli incubi di Poe (i più famosi potete leggerli gratuitamente qui), e in questo troverete sicuramente interessante la versione a fumetti de Il Gatto Nero, illustrata magistralmente da Nino Cammarata. Il volume è stato reso disponibile gratuitamente dalla Nicola Pesce Editore, che, per tutto il mese condividerà romanzi a fumetti in pdf. Gli intenti originali dell’opera non sono traditi: disegni e i colori riescono benissimo a farci visualizzare la storia in modo non didascalico, accompagnandoci nella discesa verso la follia in un incubo quotidiano.

Il gatto nero Poe

Se pensate che ancora tutto ciò non possa bastare ad allietarvi (per quanto possibile) le giornate, lo scrittore e curatore di Dylan Dog Roberto Recchioni ha reso disponibile una grande parte della sua produzione a fumetti, con l’obiettivo di far trascorrere meglio il tempo alle tantissime persone costrette a rimanere a casa, magari da sole e con gli affetti lontani. Trovate il graphic novel La fine della ragione (“in un nuovo medioevo, in cui l’unico sapere è la presunta saggezza popolare” non vi ricorda nulla?) sul sito della Feltrinelli Editore, insieme ad altri titoli (che verranno inseriti ogni giorno). Su N3rdcore trovate invece Garret – Ucciderò ancora Billy The Kid, un mashup tra western e storia di zombie. Infine, ed è la lettura più corposa che potrete fare finora (si tratta di ben 2000 pagine, quindi se vi appassiona può potenzialmente tenervi impegnati per molto tempo!) potete leggere per tutto il mese di Marzo, nel sito della Bao Publishing, la prima stagione a fumetti di John Doe. Il formato è quello classico “bonellide”, ma i contenuti sono quelli che la Sergio Bonelli Editore segue, nelle serie più giovani, più di quindici anni dopo. Scritto con il compianto Lorenzo Bartoli, John Doe ha una continuity serrata da serie tv americana, anche se ogni episodio è perfettamente fruibile anche a sé, è pieno di citazioni e per ora (l’abbiamo anche noi appena iniziato) ci sembra una lettura molto valida.

john doe

Adesso passiamo ad un giochino per PC che adorerete. L’inizio è dei più classici: il protagonista – una specie di Indiana Jones ridotto all’essenza di un sempre simpaticissimo 8bit- entra in un misterioso tempio sotterraneo. Il suo obiettivo è quello di trovare la città dell’oro, ma tra lui e il suo sogno ci sono molti livelli,tra grotte, giungle, caverne di ghiaccio e templi pieni di insidie. A prima vista Spelunky (gioco indipendente di Derek Yu) è un platform come tanti altri, semplicemente più difficile, ma andando avanti coi livelli ci si rende conto che è molto di più: e in giorni come questi può essere un grandissimo passatempo. Per prima cosa, i livelli vengono generati casualmente ogni volta, cambiano sempre e perciò non potete impararli a memoria: verrete sorpresi ogni volta da un mortale imprevisto, che vi costringerà a ricominciare da capo. Poi, ci sono tante piccole trovate assolutamente geniali che portano questo platform ad un livello superiore agli altri: il mercante che, se provate a rubargli qualcosa, impazzisce e vi segue per tutto il gioco; degli altari sacrificali che, in cambio di corpi (nemici che avete ucciso, ma anche la donna che avreste dovuto salvare per una vita in più!) vi dona oggetti o armi; porte segrete e totem maledetti da rubare. Per quanto generati “casualmente”, i livelli propongono sempre variabili interessanti (alcuni devono essere completati al buio, ad esempio) e non appaiono mai dichiaratamente impossibili: quello che provoca l’ennesima morte è sempre un errore di distrazione, un rischio non calcolato, un utilizzo sbagliato di bombe o funi nei primi livelli. Dalla sua uscita nel 2008, è disponibile una nuova versione per XBox e PC, con nuove modalità di gioco ed una nuova grafica: la versione originale, completamente gratuita, la potete trovare nel sito ufficiale. Ve lo assicuriamo, sarà davvero divertente finirlo. Sempre che ci riusciate.

Facendo di necessità virtù, queste settimane da passare in casa potrebbero essere il pretesto per iniziare tante serie TV, magari alcune lunghissime (ma altrettanto belle e piene di positività) come Scrubs (disponibile su Amazon Prime) e How I Met Your Mother (su Netflix). Entrambe i siti permettono di avere un primo mese gratuito, il che è proprio l’ideale. Inoltre, proprio in queste ultime settimane, sono stati aggiunti al catalogo Netflix tutti i film dello Studio Ghibli, uno studio cinematografico di film d’animazione giapponese. Nausicaa della valle del vento, Il Mio vicino Tororo, Il castello errante di Howl, e tante altre favole moderne adatte a grandi e piccini, da vedere tutti insieme sul divano per non scontentare nessuno. Uno di quelli che preferiamo è Porco Rosso, un film memorabile che narra la storia di un maiale che si batte contro i pirati del cielo a rischio del suo onore, della sua donna e dei suoi beni, ambientata nel Mar Mediterraneo all’epoca degli idrovolanti. Il protagonista è uno di quei personaggi che sarebbero in grado, con il loro fascino, di reggere da soli un intero film, ma di motivi per vederlo ce ne sono anche altri: disegni e animazioni che sono una gioia per gli occhi, personaggi femminili simpaticissimi, tanta azione e un importante messaggio antifascista. Una pellicola intima e romantica, che omaggia in tante scene una bellissima Italia, proprio nei momenti di crisi post-guerra. Vi farà divertire, commuovere, sobbalzare nelle scene d’azione e pensare “wow!” ogni volta che un idrovolante prende il volo. Se ve la cavate con l’inglese, il documentario 10 years with Hayao Miyazaki, in cui viene mostrato il processo creativo del regista, è disponibile gratuitamente qui.

Porco rosso

E, visto che ci siamo, non avete più scusanti: questa è anche la buona occasione per recuperare, con la giusta calma, alcuni dei nostri articoli più corposi: una guida per scoprire (e apprezzare) Tom Waits, un’altra per Daniele Silvestri, o la risposta ad una domanda che forse vi sarete fatti una volta nella vita: perché si dice che le ferrovie giapponesi siano così sicure?.

Insieme, ce la faremo.

4 pensieri riguardo “Andrà tutto bene: però, nel frattempo… Fumetti, libri, film e videogiochi per la quarantena”

    1. Sfortunatamente ancora no, ma è in “lista” insieme a tanti capolavori che ancora mi mancano! Spero che l’articolo sia piaciuto, grazie per il commento 😀

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.