Dark Side of the Moon: i due lati oscuri della luna

Quando i Pink Floyd pubblicarono il disco “The dark side of the moon” c’era già un altro disco con quello stesso titolo

Nel 1973  i Pink Floyd pubblicarono il loro ottavo album in studio dove esploravano il lato oscuro del nostro satellite: The dark side of the moon. Nome evocativo che calza a pennello con l’immagine che il gruppo inglese si era costruita: davvero un gran bel titolo. Tanto che un anno prima, nel 1972, i Medicine Head pubblicavano un disco con lo stesso nome (fatta eccezione che mancava l’articolo the).  Continua a leggere “Dark Side of the Moon: i due lati oscuri della luna”

Perché temiamo l’intelligenza artificiale?

Molti sono i timori sull’intelligenza artificiale, spesso dettati da un immaginario fantascientifico catastrofico. E’ davvero così?

artificial-intelligence-3382507_1280 

 Acceso è il dibattito sull’intelligenza artificiale. Progressi, possibili vantaggi, opportunità, ma anche timori e risvolti negativi sono i termini della discussione. Ma cosa si intende precisamente con questa espressione, e perché viene sempre associata a previsioni catastrofiche del nostro futuro? Cosa, effettivamente, si teme? Queste previsioni, sono perlopiù provenienti dall’immaginario della fantascienza raccontata nei film e nei romanzi ma ad esse si affiancano i moniti lanciati da alcune brillanti menti del nostro tempo: l’astrofisico Stephen Hawking, Bill Gates, Elon Musk (l’imprenditore che ha creato PayPal, Space X e Tesla), Raymond Kurzweil (informatico) solo per citarne alcuni. Queste personalità hanno dichiarato al mondo le loro preoccupazioni al riguardo, in particolare raccomandando di non farsi sfuggire la faccenda di mano. Continua a leggere “Perché temiamo l’intelligenza artificiale?”